Pompe di calore: vantaggi, svantaggi e consumi

pompe di calore

Pompe di calore, vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere.

Capaci di estrarre e trasferire energia termica da un ambiente freddo ad un ambiente più caldo, le pompe di calore sono macchine termiche che utilizzano differenti tipologie di energia per compiere il loro lavoro. Tali strumenti che operano grazie a diversi principi fisici, possono essere categorizzati in base alla loro applicazione. Abbiamo così, pompe di calore:

  • aria – aria;
  • aria – acqua;
  • acqua – acqua;
  • terra – acqua.

Grazie ad un’esperienza decennale alle spalle noi di Warm Impianti possiamo aiutarti a scegliere la giusta soluzione per la tua abitazione. Con un servizio completo che ha inizio con l’installazione della pompa di calore e prosegue con la manutenzione (ordinaria e straordinaria), rimanere soddisfatti del proprio sistema di riscaldamento non è una un’opzione, ma bensì realtà.

Intanto vediamo insieme alcune delle caratteristiche principali delle diverse pompe di calore.

Pompe di calore: focus sulle tipologie aria-acqua e acqua-acqua

Partiamo con il dire che entrambe sono adattabili  al sistema di riscaldamento dell’abitazione (i termosifoni).

Le tipologie di pompa aria-acqua e acqua-acqua hanno la stessa finalità, ossia produrre il calore necessario, ma secondo modalità diverse.

Analizzando la variabile acqua-acqua è possibile scoprire che la stessa opera attraverso le falde acquifere. Grazie al calore che viene mantenuto anche in inverno e si aggira attorno ai 7 e i 12 gradi, collaudare un sistema di riscaldamento a bassa temperatura è possibile.

Per quanto concerne le pompe aria-acqua, invece, il calore viene reperito attraverso lo sfruttamento dell’aria circolante. Grazie all’integrazione di un impianto di ventilazione, lo strumento ricicla l’aria viziata e ne ricava energia termica, trasferendola nell’acqua che verrà, a sua volta, utilizzata per rubinetti, docce e utilizzo casalingo.

Vantaggi,  svantaggi e consumi

Parlare di vantaggi è molto semplice. L’utilizzo delle pompe di calore è connotato da una resa ottimale per il semplice motivo che tali strumentazioni non producono calore, ma bensì lo trasmutano. Questo è quello che permette di ridurre i consumi di energia.

Il risparmio che questo genere di impianto comporta nel lungo periodo, infatti, non è da trascurare. Secondo le statistiche si parla di circa il 40% in meno per la spesa totale dei consumi energetici. Bisogna precisare, inoltre, che il risparmio aumenta nel caso in cui l’impianto venga collaudato per funzionare anche a freddo (raffreddamento).

Come ogni soluzione nel mondo, ha anche qualche svantaggio. La temperatura dell’acqua prodotta non è di calore eccessivo e dunque potrebbe diventare necessario l’utilizzo di dispositivi secondari.

Concentrando, infine, l’attenzione sui consumi è necessario appurare che per stimare questi ultimi è indispensabile calcolare il consumo giornaliero delle pompe di calore e tener conto della potenza assorbita dai macchinari. In linea di massima è possibile affermare che in inverno i consumi sono particolarmente elevati, soprattutto se ci si trova in zone dove il clima è rigido. Per conoscere nello specifico quali potrebbero essere i propri consumi è suggerito fissare un sopralluogo.

Richiedi la consulenza del nostro team di esperti in sistemi di riscaldamento e impianti tecnologici. Ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

Hai bisogno di maggiori informazioni?